Il Decreto Legislativo 81/08 e s.m.i. tra le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro individua anche “le misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato” (art.15 comma 1 lettera u).
Il Decreto continua stabilendo che il datore di lavoro e i dirigenti devono “designare preventivamente i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione delle emergenze” (art. 18 comma 1 lettera b).
Sulla base delle prescrizioni sopra citate e all’esito della valutazione del rischio d’incendio, il datore di lavoro adotta le necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio riportandole in un piano di emergenza elaborato in conformità ai criteri dell’allegato VIII del D.M. 10/03/98.

Il Piano di Emergenza è quindi uno strumento operativo mediante il quale vengono studiate e pianificate le operazioni da compiere per una corretta gestione degli incidenti, siano essi incendi, infortuni, fughe di gas, fuoriuscite di sostanze pericolose o qualsiasi altro evento calamitoso che determina la necessità di abbandonare la struttura (es. terremoti, inondazioni ecc..), al fine di consentire un esodo ordinato e sicuro a tutti gli occupanti di un edificio.

Questi gli obiettivi del documento:

– “spiegare lo scopo del piano di emergenza;
– descrivere che cosa sono i piani di emergenza e come sono strutturati;
– spiegare che cosa sono le procedure operative;
– spiegare i primi comportamenti da mettere in atto quando si scopre un incendio e quando ci si trova in una situazione di allarme;
– insegnare a realizzare un semplice piano di emergenza con lo schema “griglia/scheda /procedura”;
– illustrare alcuni esempi di piani di emergenza

CONTENUTI PIANO DI EMERGENZA

Il contenuto del piano di emergenza deve inoltre soffermarsi su alcune persone/gruppi-chiave come gli addetti al reparto, al processo di lavorazione, ecc., dei quali il piano “deve descrivere il comportamento, le azioni da intraprendere e quelle da non fare. Al verificarsi dell’emergenza, comunque, possono facilmente trovarsi coinvolte anche persone di altri reparti o presenti in azienda come i clienti, i visitatori, i dipendenti di altre società di manutenzione ecc. Il piano deve ‘prendersi cura’ anche di questi. Inoltre, nel momento in cui l’emergenza può riguardare anche le aree esterne all’azienda o comunque altre Organizzazioni o Servizi la cui attività è in qualche modo correlata, il piano di emergenza deve prevedere il da farsi anche per queste persone/organizzazioni”.
Se le procedure da adottare in caso di incendio sono diverse, soprattutto riguardo alla sequenza delle azioni, tra i diversi tipi di insediamento (uffici, edifici con afflusso di pubblico, aziende, ecc.), è tuttavia possibile elencare una serie di procedure da adottare quando si scopre un incendio che sono comuni alle diverse situazioni dei luoghi e degli eventi incidentali:
  • comportarsi secondo le procedure pre-stabilite (ove esistono);
  • se si tratta di un principio di incendio valutare la situazione determinando se esiste la possibilità di estinguere immediatamente l’incendio con i mezzi a portata di mano;
  • non tentare di iniziare lo spegnimento con i mezzi portatili se non si è sicuri di riuscirvi;
  • dare immediatamente l’allarme”;
  • “intercettare le alimentazioni di gas, energia elettrica, ecc.;
  • limitare la propagazione del fumo e dell’incendio chiudendo le porte di accesso/ compartimenti;
  • iniziare l’opera di estinzione solo con la garanzia di una via di fuga sicura alle proprie spalle e con l’assistenza di altre persone;
  • accertarsi che l’edificio venga evacuato;
  • se non si riesce a mettere sotto controllo l’incendio in breve tempo, portarsi all’esterno dell’edificio e dare le adeguate indicazioni alle squadre dei Vigili del Fuoco”.

QUANDO E’ OBBLIGATORIO REDIGERE IL PIANO DI EMERGENZA?

La redazione del Piano di Emergenza è obbligatoria per tutti i luoghi di lavoro ove sono occupati 10 o più dipendenti ed in quelli ove si esercitano attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco .

Documentazione di supporto: Vigili del Fuoco e Università di Roma

Fonte: Paola Capra


IMI Consulting
Altri articoli dal blog:

Warning: Use of undefined constant rand - assumed 'rand' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.imiconsulting.it/home/wp-content/themes/IMI/single.php on line 94
POLITICA SUI COOKIE

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritte nella nostra Cookies Policy.